giovedì 29 settembre 2016

Un sindaco solo al comando

Nel consiglio comunale di ieri, il sindaco Montà doveva affrontare alcune situazioni spiacevoli. Colpa dell'opposizione? Colpa di consiglieri di maggioranza indisciplinati?
No, la colpa è soltanto sua
Prima ha eliminato tutti i "dissidenti" poi è passato ai "dissenzienti". Preoccupato di emergere, non avendo fiducia nelle sue capacità, si è circondato di collaboratori mediocri o più che mediocri.
Le poche persone intelligenti, hanno capito da subito che non era il caso di contraddirlo. Basta una proposta non allineata, che va in bestia. Non subito. Progressivamente. In modo esponenziale. Mi hanno detto che gli guardano le orecchie. Diventano cianotiche prima che esploda.
Non so quanto queste le voci siano vere, ma quest'ultima sicuramente sì. L'abbiamo visto anche ieri sera.

martedì 27 settembre 2016

Ponte di Messina


Le pensioni, l'età pensionabile, ed i contratti del pubblico impiego, erano scontati. Ma anche il Ponte sullo stretto di Messina! 
Quello che mi compisce veramente è l'assoluta mancanza di fantasia dei politici quando per la disperazione si mettono a fare promesse

Lunedì 26 settembre: il referendum costituzionale sarà il 4 dicembre;
Lunedì 26 settembre: la 14esima su tutte le pensioni,
Martedì 27 settembre: si farà il Ponte sullo stretto di Messina;
Mercoledì 28 settembre: si farà rinnovo del contratto degli statali;
Giovedì 29 settembre: facciamo tutti gli auguri a Silvio Berlusconi;
Venerdì 30 settembre: ah sì. Auguri anche a Bersani;
Sabato 1° ottobre: "Faremo valere le ragioni dell'Italia in Europa"
Domenica 2 ottobre: "Le parole di Papa Francesco da sempre ispirano il mio governo"
Lunedì 3 ottobre: "con il jobs act, l'aumento del PIL del 2016 è 10 volte superiore a quello del 2015!"
Martedì 4 ottobre: "Facciamo tutti gli auguri a Papa Francesco"
Mercoledì 5 ottobre: "il governo sta studiando di abbassare l'età delle pensioni a 60 anni"
Giovedì 6 ottobre:si farà rinnovo del contratto dei dipendenti pubblici;

giovedì 22 settembre 2016

I fitofarmaci? Contengono pesticidi! Di boiata in boiata ....

Anche recentemente ho avuto modo di stupirmi per il modo, quantomeno maldestro, con cui l'ARPA Piemonte comunica i rischi per la salute e per l'ambiente. 
Mi stupisco, perché uno dei primi insegnamenti che ho ricevuto  relativamente alla comunicazione dei rischi, è stato che bisogna sempre raccontare le cose come stanno, spiegandole in modo comprensibile, se necessario in modo impreciso, ma senza barare. E senza omettere
Le persone, di solito hanno molta meno paura dei rischi di quanta non ne abbiano i politici. Che invece sono preoccupati e negano a prescindere. Ed i tecnici negano, comprendendo di fare cosa è gradita.
Il problema è che le persone accettano i rischi, magari arrabbiandosi, ma poi pretendono che la politica metta in atto le giuste azioni per eliminare o ridurre i rischi.
Ho già avuto modo di parlare dei pseudo-tecnici che fanno gli sciamani occupandomi dell'inceneritore. Come ben sapevo, ci sono molti tecnici seri (la maggioranza), ed ho constatato con piacere che quelli che si offendevano, di solito non erano tra questi ultimi.

mercoledì 21 settembre 2016

A me piace il proporzionale.

Da mesi il Pd si muove per poter cambiare l'Italicum, la legge elettorale che ha voluto così fortemente da mettere il voto di fiducia sulla sua appovazione.
Poi hanno capito che con l'Italicum probabilmente (?) vince il Movimento 5 Stelle, così hanno deciso di fare un esercizio di democraziae dichiarano di voler cambiare la legge.
Putroppo per loro, gli italiano colgono queste cose, e se ne ricordano. Soprattutto se si prova a modificare la  legge nuovamente a proprio interesse (premio di maggioranza alla coalizione).
Ma ieri, sentendo che il Movimento 5 Stelle, in tema di legge elettorale , è per il proporzionale, mi sono detto: "Accidenti, sarò mica un 5 stelle?"

martedì 20 settembre 2016

Yoghi e Bubu al supermercato ed il moralismo di Massimo Gramellini

Pare che Gianni Morandi sia stato sbertucciato su "facebook e dintorni" per essere andato al supermercato di domenica.
Massimo Gramellini, ovviemente, non ha perso l'occasione di fustigare i fustigatori paragonando il lavoro festivo nei supermercati con altre attività lavorative tradizionalmente domenicali (preti, chierichetti, baristi, ristoratori, pizziaioli, cassieri dei cinema).
Insomma, ha dimostrato che anche lui riesce ad usare la tastiera più velocemente del cervello. E volendo strafare, invece che su fb, si è cimentato sulla prima pagina de La Stampa.
Le similitudini sono una bella cosa. Solo che debbono essere pertinenti. Altrimenti si fa la fine di Topo Gigio che confonde la Luna con una forma di formaggio.
E' difficile stabilire cosa debba funzionare la domenica ed i giorni di festa.  E quindi è difficile stabilire chi debba lavorare i giorni di festa.
Funzionano servizi pubblici essenziali: distribuzione di gas ed  energia. Funzionano i telefoni. Ma mica lavorano tutti gli addetti del settore. Lavorano le persone necessarie a garantire il normale funzionamento ... . Funzionano la sanità e gli ospedali. 
Ed anche qui funziona solo ciò che è necessario.

domenica 11 settembre 2016

Salvador Allende

11 settembre 1973. Colpo di stato in Cile.
Durante l'assedio e la successiva presa del Palacio de La Moneda,  Allende morì. 
Per anni molti di noi hanno amato pensare che morì con le armi in pugno. Probabilmente si uccise. Ma questo non è questo il punto.
Morì dopo un ultimo discorso alla radio, in cui affermò:
« Lavoratori della mia Patria, ho fede nel Cile e nel suo destino. Altri uomini supereranno questo momento grigio e amaro in cui il tradimento pretende di imporsi. Sappiate che, più prima che poi, si apriranno di nuovo i grandi viali per i quali passerà l'uomo libero, per costruire una società migliore. »
« Viva il Cile! Viva il popolo! Viva i lavoratori! Queste sono le mie ultime parole e ho la certezza che il mio sacrificio non sarà vano, ho la certezza che, per lo meno, ci sarà una lezione morale che castigherà la vigliaccheria, la codardia e il tradimento. »

venerdì 9 settembre 2016

Le Olimpiadi delle baggianate

In queste settimane c'è un'enorme pressione "politica" sul  Movimento 5 Stelle e sulla Sindaca di Roma, Virginia Raggi. Al di là di come la pensiate sul M5S e sulla Sindaca di Roma, probabilmente, sottosotto, percepite l'anomalia di questa pressione.
Oltre a tutte le ragioni note, c'è un tema rilevante che resta sullo sfondo: la candidatura di Roma alle Olimpiadi del 2024.
Si tratta di 5,5 miliardi di euro di appalti, che probabilmente diventeranno almeno 7. Insomma, c'è di che essere interessati. Anche perchè saranno (sarebbero) di più.
Premetto, mi piace lo sport. Ho patito quanto le Olimpiadi hanno "ammesso" lo sport professionistico.
Ma non riesco a non appassionarmi vedendo Bolt. O la Cagnotto.
E uno degli eventi sportivi che ricorderò per sempre è la partita di hockey femminile Italia Canada, con la vittoria 16 a 0 del Canada. Ma la tensione, l'emozione, la gioia erano al massimo. 

martedì 6 settembre 2016

State calmi, state calmi che non è successo niente!



Quando si deve affrontare il tema dei rischi per la salute e/o per l'ambiente da moltissimi anni si assiste ad un copione pressoché sempre uguale.
Da un lato ci sono cittadini che si lamentano (sempre meno) o sbraitano (sempre più) per rischi "ambientali" e dall'altro lato ci sono pubbliche amministrazioni che negano o minimizzano questi rischi.
O, se preferite:
Da un lato ci sono pubbliche amministrazioni che negano o minimizzano rischi "ambientali" e dall'altro lato ci sono cittadini che si lamentano (sempre meno) o sbraitano (sempre più) per questi rischi.
La questione ha radici lontane e l'esito del referendum del 1993 (Trasferimento delle competenze ambientali dalla Sanità all'Ambiente) ha sicuramente peggiorato la situazione. Non che prima le cose andassero bene, ma è stata la tappa definitiva con cui la politica ha messo le mani sulla gestione dei rischi ambientali. 

sabato 3 settembre 2016

Vampiri

Tempo fa, il mio gestore della telefonia mobile è tranquillamente passato da contratto mensile a contratto di 4 settimane. Un aumento del 8%. Mio fratello dalla Germania mi ha detto "Cambia gestore". Peccato che la variazione sia avvenuta contamporaneamente per tutti i principali gestori.
E nessuno provi ad insinuare che c'è un cartello. Pura casualità. Ed il governo Renzi non ha fatto una piega.
Non contento, il mio gestore, dopo un po' di tempo mi ha comunicato una variazione unilaterale del contratto: 48 cent/settimana di aumento
Ovviamente avevo la possibilità di recedere. 
Anche i vampiri ti lasciano scappare se porti un'altra vittima al posto tuo!
Mi guardo un po' in giro, "offerte" con significativi aumenti per tutti. Un'altra coincidenza. E il governo Renzi dorme.
Per inciso, 25 euro a cliente sono 250 milioni su 10 milioni di clienti. 250 milioni di euro sfilati di tasca con destrezza.
Il 30 maggio, mi arriva la bolletta dell'ENEL. 
Carina. Tutta colorata. Accattivante.
La guardo circospetto. La giro e la rigiro. Inizio fornitura 1° maggio 2016. Ma io ho fatto il contratto a maggio 2015! E anche la cifra è un pò altina.
Tiro fuori le bollette vecchie. Decisamente brutte. In bianco e nero. Ma gli importi sono decisamente più bassi.
Poi leggo bene: "ENEL Servizio Elettrico". La bolletta nuova è "ENEL Energia"
Telefono all'800.....  "Buongiorno .....", e spiego la questione.