martedì 28 giugno 2016

"Nuntio vobis gaudium magnum"



Il 27 giugno a Grugliasco, la seduta di consiglio comunale appositamente differita a causa della situazione europea (Italia - Spagna).
Il menù è povero. Come al solito con la giuntà Montà.
La terza delibera, però, suscita qualche dubbio. Non so se per il titolo (14 righe in stampatello maiuscolo) o perché comincia con 13 "premesso che".
E' una delibera che riguarda aspetti della linea S.F.M. 5, la linea ferroviaria che in un futuro collegherà l'Ospedale San Luigi di Orbassano con Torino, passando nel tracciato ferroviario già esistente che incrocia corso Allamano all'altezza di via Moncalieri e poi transitando dietro Le Gru si immette sulla linea Torino Modane.
E' una grande idea, in quanto consente a chi arriva dal pinerolese o dalla Val Sangone di lasciare la macchina fuori Torino e raggiungere il centro città in impiegando meno tempo,
spendendo meno ed inquinando meno. E con minor rischio di incidenti.
L'idea - allora nota come Trenopolitana -  risaòle addirittura al 1980 e fu portata avanti da DP (Democrazia Proletaria) nella campagna elettorale. Le Amministrazioni locali del centro si nistra (e non solo) dimostrarono la solita lungimiranza seppellendo la proposta con i soliti risolini e sfottò.

Passano le generazioni di politici (qualcuno c'è stato fino a 10 giorni fa), ma qualcosa resta a livello inconscio. Così l'idea torna a galla identificata come Linea SFM 5.


Meglio tardi che mai! Ma ci sono dei "ma" ...

  1. Con quali soldi si costruisce la fermata ferroviaria che da preventivo viene 11,5 milioni? Dagli atti non è chiaro 4.300.000 euro la Regione Piemonte, 3.700.000 TRM e 3.500.000 RFI (Rete Ferroviaria Italiana). Ma quali soldi sono?
  2. A chi serve la fermata? Borgata Quaglia e Borgata Lesna distano 800 e 600 metri. Siamo al limite delle distanze che notoriamente la grande maggioranza delle persone è disposta a percorrere a piedi per raggiungere le fermate dei mezzi pubblici. Il Gerbido è a 1,5 km. Insomma la fermata potrebbe potenzialmente servire meno del 10% dei grugliaschesi. Dal Centro e da borgata Paradiso è sicuramente meglio la metro ( o il metrò? boh)
  3. Sicuramente la fermata potrà essere utile per chi lavora a Le Gru. Si spende meno e si rischia meno (la metà dei morti sul lavoro si verifica su strada....). Ma allora diciamolo chiaramente!
  4. Per i "clienti" de Le Gru, la cosa è più complessa. La fermata ferroviaria potrà servire ai ragazzi che vanno a fare le vasche nel centro commerciale. Magari potrà servire a chi va a fare un piccolo acquisto. Alla maggior parte delle persone no. Salvo che non si mettano in atto forti azioni per ottenere qualche risultato.  
Domande tanto ovvie quanto importanti.
Ma a quanto pare inaspettate, perché la maggioranza era lì, pronta solo ad autocelebrarsi.Per cui via con il coro di commenti scandalizzati.  
"Ma come siamo uno dei pochi comuni ad avere 2 fermate ferroviarie e c'è chi non è contento?"
"Ma se questo è frutto della collaborazione tra forze politiche anche opposte. Ce ne fossero di consiglieri così!"
"Si tranquillizzi il consigliere, ma la linea mica finisce a Le Gru, continua fino al San Luigi, anche se non lo sa!"
"Se poi la fermata serve anche ai lavoratori de Le Gru, io non mi scandalizzo!"
Ma visto che  il clima era da celebrazione "Nuntio vobis gaudium magnum: habemus fermatam" è intervenuto un consigliere di maggioranza, che con il tono di uno che racconta una barzelletta sporca, sconcia no, è troppo, ma sporca sì, ha iniziato a dire: "Anch'io da anni chiedo una fermata del bus sotto casa, ma non me la mettono!"
Probabilmente voleva sfottere, ma  ha dimostrato solo di non avere capito nulla. Ma gli amici di partito gli sono tanto amici che non gli dicono neppure di stare zitto. 
Prendiamo atto che il consigliere Forgione siede in consiglio comunale per avere una fermata del bus sotto casa (una richiesta sostanzialmente modesta)
Ma una risposta nel merito?
Esageruma nen.
"Prima di spendere 11.500.000 euro per una fermata ferroviaria si è fatto uno studio sulle ricadute?"
"Per carità, staremo attenti perchè nessuno inciampi"Scherzi a parte, fin che si tratta di spendere soldi o chiedere soldi, qualche professionalità si trova. Se si chiede come hanno fatto a valutare se le spese hanno un senso, ti guardano tutti spaesati.
Alla fine comunque alcune cose sono venute fuori:
I tremilionisettecentomila (3.700.000) euro di TRM sono soldi delle compensazioni per l'inceneritore. Ma possiamo stare tranquilli, non sono soldi in più, ma non sono tolti alla quota di Grugliasco. I soldi della Regione, invece comprendono i soldi delle compensazioni per l'inceneritore. Punto e basta.
Al momento quindi si fa una fermata ferroviaria che servirà fondamentalmente il centro commerciale pagandola con i soldi delle compensazioni per l'inceneritore. Ma non basta. E' già stato scritto che la linea su cui si spendono soldi delle compensazioni per l'inceneritore, servirà anche a compensare la TAV. Con piccoli passi ci arriveremo.
E quando qualcuino ha detto "proverò a far sputare un po' di soldi a Le Gru!", beh, sono solo parole. La campagna elettorale si avvicina e Le Gru amiche possono sempre servire.
Carlo

Nessun commento:

Posta un commento