martedì 9 aprile 2013

Antieuropei

PD e PdL non rispettano l'Europa
Come abbiamo visto un inceneritore impoverisce. Analogamente ai 
rischi per la salute, l'impoverimento da inceneritore è generalizzato. ma in questo caso i danni si distribuiscono in modo meno casuale. Insomma, c'è chi ci guadagna sempre, e c'è chi ci perde, sempre.

Il sistema funziona un po' come il gioco d'azzardo. C'è chi vince sempre, il banco, e chi perde sempre, i giocatori. Si comprende quindi come mai chi tiene il banco ci vuole costringere con ogni mezzo a giocare la partita dei rifiuti. Ma come funziona?
Quando andiamo a fare la spesa per acquistare ciò che ci interessa, dobbiamo comperare anche un sacco di roba (imballaggi, contenitori, ecc.) che non ci servono.
Ovviamente dobbiamo pagare  anche questa roba e quando  arriviamo a casa, buttiamo tutto nella spazzatura. pardon, nei rifiuti!  Tra chi legge queste righe molti sanno  che con un po' di attenzione e di impegno si può limitare il danno.Ma non lo si può evitare.
Quindi conferiamo i rifiuti, possibilmente con una attenta raccolta differenziata (non sempre è possibile perché i contenitori sono fatti con materiali compositi, destinati all'indifferenziata) e dato che i rifiuti sono tantii, paghiamo una salata tariffa dei rifiuti.
Ma poi avremo la fortuna di pagare una terza volta per l'uso dell'energia elettrica prodotta dall'inceneritore e poi paghiamo una quarta volta per il teleriscaldamento. O almeno, queste sono le intenzioni di chi vi ha imposto l'inceneritore.
Ovviamente chi "tiene il banco" guadagna producendo rifiuti (imballi usa e getta , ecc.), guadagna raccogliendo e smaltendo i rifiuti. Ed ovviamente guadagna  vendendo elettricità ed acqua calda. Ma dato che la termovalorizzazione è solo "reclamé" per rendere redditizio l'incenerimento dei rifiuti, lo si premia con incentivi. "Ecologici", ovviamente!
L'"Europa" ha detto chiaramente che tutto questo non si può fare!
Non solo, l'"Europa " ha detto "Basta con l'incenerimento dei rifiuti".
Siamo quindi di fronte ad un chiaro atteggiamento antieuropeo di PD, PdL e compagnucci vari di viaggio.
Ora, non pensate subito male dell'"Europa". Il Parlamento e le Commissioni europee non sono covi di ecologisti ed ambientalisti.
L'Europa, nel bene e nel male, fa il suo mestiere. Quindi si occupa (almeno per ora) solo di macroeconomia. Mette fuori campo modelli produttivi e scelte economiche che non producono ricchezza, per privilegiare l'evoluzione tecnologica. L'ecologia è solo un "pretesto" che giustifica l'esigenza di sviluppare nuove tecnologie e nuovi modelli di lavoro al fine di produrre ricchezza .....

Nessun commento:

Posta un commento