domenica 4 marzo 2018

Il referendum socialdemocratico per la RAI

Parlando del referendum con cui i socialdemocratici tedeschi scelgono se fare la Grosse Koalition con i democristiani di Angela Merckel,  la giornalista con tono entusiasta annuncia che in Germania c'è un grandissimo interesse per questo referendum tanto che "si registrano migliaia di iscrizioni alla SPD per votare"
Ora, non è necessario che un giornalista sia un tuttologo, anche se in molti casi farebbe piacere che avesse qualche conoscenza della materia su cui scrive ...
Ma un giornalista deve (dovrebbe?) fare domande? 
O quantomeno dovrebbe farsi delle domande ....
Non possiamo guardare con sospetto a quanto sta accadendo? 
Il referendum nella SPD deve avere un unico risultato, il sì.
Se SPD dovesse dire no, con ogni probabilità si andrà a nuove elezioni. La SPD calerà ancora e cresceranno la destra sempre più neo nazista (AFD)
Se la SPD va al governo, si prospettano tempi poco allegri per gran parte dei tedeschi ed alle prossime elezioni la SPD pagherà un pesante prezzo e i neonazisti cresceranno ancora.
I social democratici tedeschi non hanno blindato il partito prima del referendum non perché sono più democratici di BeppeGrillo & c, o perché sono meno intelligenti.
La sinistra (più o meno centrosinistra che sia) è in crisi in tutta Europa da dopo la caduta del Muro di Berlino. E' in crisi perché, se ci pensate, non  c'è più bisogno del ceto medio e qualsiasi politica sociale, anche blanda, non trova più la disponibilità da parte di chi conta.
E così, oggi, è un ambizione pensare di trovare giornalisti con la lingua connessa con il cervello
Carlo

Nessun commento:

Posta un commento