sabato 3 settembre 2016

Vampiri

Tempo fa, il mio gestore della telefonia mobile è tranquillamente passato da contratto mensile a contratto di 4 settimane. Un aumento del 8%. Mio fratello dalla Germania mi ha detto "Cambia gestore". Peccato che la variazione sia avvenuta contamporaneamente per tutti i principali gestori.
E nessuno provi ad insinuare che c'è un cartello. Pura casualità. Ed il governo Renzi non ha fatto una piega.
Non contento, il mio gestore, dopo un po' di tempo mi ha comunicato una variazione unilaterale del contratto: 48 cent/settimana di aumento
Ovviamente avevo la possibilità di recedere. 
Anche i vampiri ti lasciano scappare se porti un'altra vittima al posto tuo!
Mi guardo un po' in giro, "offerte" con significativi aumenti per tutti. Un'altra coincidenza. E il governo Renzi dorme.
Per inciso, 25 euro a cliente sono 250 milioni su 10 milioni di clienti. 250 milioni di euro sfilati di tasca con destrezza.
Il 30 maggio, mi arriva la bolletta dell'ENEL. 
Carina. Tutta colorata. Accattivante.
La guardo circospetto. La giro e la rigiro. Inizio fornitura 1° maggio 2016. Ma io ho fatto il contratto a maggio 2015! E anche la cifra è un pò altina.
Tiro fuori le bollette vecchie. Decisamente brutte. In bianco e nero. Ma gli importi sono decisamente più bassi.
Poi leggo bene: "ENEL Servizio Elettrico". La bolletta nuova è "ENEL Energia"
Telefono all'800.....  "Buongiorno .....", e spiego la questione.

"No, non le abbiamo cambiato contratto. Siamo un'altro gestore!"
".... "
"Lei ha fatto un contratto, telefonicamente, il 23 gennaio scorso"
"Lo escludo!"
"Effettivamente risulta che la conversazione sia avvenuta con una voce femminile!"
"Giuro che sono un maschio!"
"Non è rilevante! Al numero di telefono corrispondente al contratto abbiamo avuto un colloquio telefonico in cui si è accettato un cambio di contratto"
"Va beh" dico conciliante "ma non mi è arrivato a casa nessun documento da sottoscrivere e quindi non ho fatto nessun nuovo contratto"
" No guardi, è sufficiente un colloquio telefonico"
"Mi scusi, ma non avete parlato con me, che sono l'intestatario del contratto, ma con una donna"
"Per noi non fa differenza" "Le comunico che a sua tutela è previsto che lei possa  recedere entro 10 giorni dall'inizio della fornitura. La fornitura è cominciata il 1° maggio ed oggi è il 31. Purtroppo è troppo tardi"
"Ma come facevo a recedere se non sapevo di avere una nuova fornitura fino a un'ora fa"
"Non so cosa dirle, abbiamo una registrazione con una voce femminile"
Giuro che sono un maschio. Ma è meglio cambiare tema. Altrimenti finisce che mi accusano di sessismo ...
"Scusi ma mi può rifare il contratto precedente. Pago quello che devo pagare, ma almeno torno al contratto desiderato"
"Mi dispiace signore, ma siamo un'altra Società!"
"Scusi, ma io il mio contratto  era collegato al contratto del gas"
"Effettivamente signore, vedo che ha con noi anche la fornitura del gas"
"Se lei vede che ho il contratto con voi, vuol dire che siete la stezza Azienda!"
"Mi dispiace signore, siamo un'altra Società! Buonasera"

5 giorni fa mi arriva la bolletta elettrica con tanto di canone Rai. Mi attribuiscono un consumo stimato al 31 luglio ben superiore al consumo che raggiungero a metà settembre. 
Ma come ho il contatore elettronico e loro mi stimano il consumo! 
Vi ricordate Bersani quando da ministro fece togliere la "stecca" che dovevamo pagare quanto ricaricavamo il telefonino? una piccola cosa, ma che leggerezza.
Alle prossime elezioni voterò per chi si impegnerà ad eliminare tutte le piccole vessazioni che i vampiri che gestiscono i servizi  fanno quotidianamente
Carlo

Nessun commento:

Posta un commento