martedì 21 giugno 2016

La fantasia al potere



Per una anno sono andati in giro a raccontare che avrebbero anticipato l'età della pensione. E poi pochi
giorni prima delle elezioni comunali, zac! L'annuncio! "Si andrà in pensione prima con l'APE".
Renzi avrà pensato che non ci sarebbe stato il tempo per capire e gli italiani avrebbero abboccato.
Ha fatto male i suoi conti e "l'APE per andare in pensione" ha insospettito gli italiani. 
Ora gli italiani sono abituati a tutto. Ma che il "Bronzo di Firenze" provasse a spacciare per "anticipo dell'età pensionistica", la possibilità di avere un "anticipo sulla pensione" segna un salto di qualità.
Nel PD c'è sempre stato il gusto di giocare con le parole. Si dice una cosa che suona bene, e poi si fa il contrario, perché la frase significa altro, o può significare altro.
Per esempio, in campanga elettorale il Pd proclama che "Occorre valorizzare il territorio!". I suoi elettori tirano un sospiro di sollievo. Lo desiderano, ma non osano chiederlo. Ma se lo dice il partito....
Dopo di che, giù a testa bassa a cementificare.
Una contraddizione?
Ma ché!
Valorizzare significa dare valore. Se prendono un terreno agricolo e lo trasformano in edificabile, questo acquista valore. Lo hanno valorizzato!

Ma l'APE è troppo. E gli italiani, anche quelli che non l'anno ancora capito, gliel'hanno detto forte.
Ma, battute a parte, dobbiamo preoccuparci. L'APE  è lo strumento che serve per non attrivare ammortizzatori sociali in occasione della prima crisi che lascerà lavoratori per strada. Che bisogno c'è di cassa integrazione che pesa sui bilanci pubblici , se i lavoratori possono possono andare in pensione prima con l'APE? 
E se invece che in pensione andranno in mezza pensione, tanto meglio. mangiare meno fa bene alla salute!  
Carlo
 

Nessun commento:

Posta un commento