sabato 12 luglio 2014

Dall'agricoltura industriale e OGM alla libertà di scelta

Mi limito a pubblicare questa mail di Avaaz su una bella iniziativa su OGM e libertà.  Invito tutti a leggere, diffondere e - nei limiti del possibile - mettere mano alla carta di credito
Carlo


--------------
Cari avaaziani,





Clicca per promettere quanto puoi:

2€    3€    6€    12€    24€ Scegli un’altra cifra


Il loro obiettivo è il controllo di tutto il cibo del pianeta: sono 10 multinazionali e hanno già conquistato il 73% del mercato dei semi portando all’estinzione fino al 93% delle varietà in alcuni paesi.

Monsanto & Co. si stanno di fatto comprando la natura. Mettendo in ginocchio l’agricoltura sostenibile e la biodiversità delle coltivazioni, sempre più vulnerabili alle malattie, lasciandoci così sempre più a rischio carestie.

Ma molti agricoltori stanno resistendo, preservando i semi in depositi e fattorie in tutto il mondo. E ora hanno un progetto rivoluzionario: il primo “Google” no profit delle sementi, un sito in cui ogni contadino, ovunque, può cercare o vendere tantissime varietà di piante a prezzi più bassi dei semi OGM industriali. Questo enorme negozio online potrebbe ripopolare il mercato con semi di tantissime varietà e mettere fine a questo assurdo monopolio.





Potrebbe essere l’innovazione agricola più grande degli ultimi decenni, oltre che lo strumento più potente di sempre per fermare la Monsanto. Ma sarà una battaglia durissima, con le multinazionali pronte a portare gli agricoltori in tribunale: per questo ci hanno chiesto di aiutarli e vogliamo raccogliere i soldi non solo per contribuire a lanciare il sito, ma anche a salvare i semi nei Paesi più importanti, far conoscere l'iniziativa in tutto il mondo e creare un fondo per difendere i contadini dagli attacchi legali. 

Prometti una donazione per lanciare questo mercato dei semi. Avaaz addebiterà le donazioni solo se ne raccoglieremo abbastanza per far partire l’intero progetto:



Per migliaia di anni l’agricoltura ha funzionato grazie a contadini che hanno selezionato, piantato e incrociato le sementi. Poi però l’industria ha spinto i governi a sostenere un sistema di monocolture. Ai piccoli contadini vengono promessi maggiori raccolti e guadagni, e finiscono spesso legati per anni a contratti che impongono pesticidi e sementi geneticamente modificate (OGM). E poi le aziende usano brevetti e contratti per obbligarli ad abbandonare le pratiche tradizionali che permettevano di tramandare e innovare le sementi. 

Non c’è ancora una posizione comune sugli effetti a lungo termine degli OGM, ma secondo gli esperti la scarsità di studi scientifici indipendenti non esclude che alcuni di questi cibi possano portare seri pericoli per la nostra salute. E non c’è alcuna prova che il loro uso nel lungo termine aumenti le scorte di cibo nel mondo o abbia migliorato i guadagni dei contadini, che anzi in molti casi sono stati mandati sul lastrico, o addirittura spinti al suicidio per i debiti.

Le conseguenze di tutto ciò sono tragiche, e non solo per gli agricoltori. Secondo la FAO, abbiamo già perso più del 75% della biodiversità delle sementi per colpa delle monocolture e delle pratiche industriali. Ed è un problema enorme perché coltivando tutti i terreni con lo stesso seme, senza alcuna diversificazione, le piante sono sempre più vulnerabili alle malattie. Le modifiche genetiche potranno anche aumentare la resa dei raccolti, ma senza diversità e sostenibilità, nel lungo termine le piante non sono più in grado di adattarsi ai cambiamenti ambientali con il rischio della perdita di interi raccolti. 

Ora abbiamo un strumento per bloccare questo processo. La privatizzazione è in corso solo da pochi decenni, e sono moltissimi gli agricoltori in tutto il mondo che fino ad ora sono riusciti a proteggere le loro sementi: se ora li sosteniamo dando loro un mercato online dove li possano scambiare, avremo avviato una rivoluzione. Questo progetto è sostenuto da una coalizione di oltre 20 organizzazioni, come il Centro per la Sicurezza Alimentare e la Salute, e attivisti tra cui Vandana Shiva. Le nostre donazioni verranno utilizzate per:


  • sostenere direttamente le iniziative a protezione delle sementi in Africa, Asia, Europa e nelle Americhe;
  • aiutare a realizzare il sito che metta in contatto le comunità di contadini di tutto il mondo, permettendo loro di vendere legalmente i loro semi e di condividere le migliori pratiche;
  • finanziare un team legale che difenda i contadini e questo mercato no profit dagli attacchi di Monsanto e delle altre multinazionali;
  • far conoscere in tutto il mondo l'esistenza di questo mercato affinché si uniscano più agricoltori possibile;
  • promuovere campagne per una maggiore tutela dei semi esistenti e contro la possibilità delle aziende di “privatizzarli” addirittura tramite brevetti.  
Sono anni che la Monsanto impone i suoi semi OGM e le monocolture di massa non solo ai contadini, ma anche a tutti noi. Ma ora, se tutti facciamo la nostra parte, possiamo lanciare questo progetto rivoluzionario e proteggere tutte le diverse varietà di mele, pere e pomodori per i nostri figli e tutte le prossime generazioni! Prometti subito una donazione e Avaaz la addebiterà solo se ne raccoglieremo abbastanza per realizzare il progetto:

SÌ, PROMETTO 2€

SÌ, PROMETTO 3€

SÌ, PROMETTO 6€

SÌ, PROMETTO 12€

SÌ, PROMETTO 24€

Per promettere una cifra diversa, clicca qui.
“Piantare un seme significa mettere in moto i più grandi misteri dell’Universo.” I semi contengono l’origine e il mistero di buona parte di ciò che sappiamo sulla vita. Facciamo la nostra parte per proteggerli dal controllo totale delle grandi aziende, contribuendo a recuperare migliaia di piante che credavamo ormai perdute.
Con speranza e determinazione,


Alice, Maria Paz, Nick, Emma, Ricken, Antonia, Patricia, Mais, Emily, Diego e tutto il team di Avaaz

MAGGIORI INFORMAZIONI:

L'Onu ai Governi: basta mono colture, sostenete le produzioni locali (Slowfood)
http://www.slowfood.it/sloweb/fe85da110a41668ad7575f58a7437632/lonu-ai-governi-basta-mono-colture-sostenete-le-produzioni-locali-

È vero che gli Ogm sono in aumento? (La Stampa)
http://www.lastampa.it/2014/02/18/cultura/domande-e-risposte/vero-che-gli-ogm-sono-in-aumento-RPapkyilDlGq3JPBJ1f3aJ/pagina.html

India, contadini rovinati dal cotone ogm (Redattore Sociale)
http://www.redattoresociale.it/Notiziario/Articolo/459197/India-contadini-rovinati-dal-cotone-ogm-una-fotoreporter-nei-villaggi-dei-suicidi

Monsanto e il controllo mondiale delle sementI (Terra Nuova)
http://www.aamterranuova.it/Orto-e-Giardino/Monsanto-e-il-controllo-mondiale-delle-sementi

Storiche sentenze contro la Monsanto e gli OGM in Nepal e Argentina (La Stampa)
http://www.lastampa.it/2014/01/10/blogs/voci-globali/storiche-sentenze-contro-la-monsanto-e-gli-ogm-in-nepal-e-argentina-99NmUrTNeW6PpHYbufdxPK/pagina.html

L'erosione genetica di specie agrarie in ambito mediterraneo: rilevanza del problema e strategie d'intervento (International Centre for Advanced Mediterranean Agronomic Studies, pagina 15)
http://om.ciheam.org/om/pdf/c53/01002036.pdf

Semi e biodiversità: la resilienza ai cambiamenti climatici (La Stampa)
http://www.lastampa.it/2014/06/08/blogs/madre-terra/semi-e-biodiversit-la-resilienza-ai-cambiamenti-climatici-sb69y9wOWTjJeUHk4bD7GI/pagina.html

L’avvenire dell’agricoltura dipende dalla biodiversità (FAO)
http://www.fao.org/NEWSROOM/it/focus/2004/51102/index.html

Il potere politico del business agricolo & le lobby delle assicurazioni sulle coltivazioni (Taxpayer - IN INGLESE)
http://www.taxpayer.net/images/uploads/downloads/Political_Power_of_Farm_And_Crop_Insurance_Lobbies_Fact_Sheet.pdf

Chi controllerà gli approvigionamenti agricoli? (ETC group - IN INGLESE)
http://www.etcgroup.org/sites/www.etcgroup.org/files/CartelBeforeHorse11Sep2013.pdf






Avaaz.org è un movimento globale con oltre 37 milioni di membri,
che promuove campagne far valere la voce dei cittadini nelle stanze della politica di tutto il mondo (Avaaz significa "voce" in molte lingue). I membri di Avaaz vivono in ogni nazione del mondo; il nostro team è sparso in 18 paesi distribuiti in 6 continenti e opera in 17 lingue. Clicca qui per conoscere le nostre campagne più importanti, oppure seguici su Facebook o Twitter.

Ricevi quest'e-mail perché hai firmato "Stai a fianco del Tibet - Sostieni il Dalai Lama" il 2008-03-25 usando l'indirizzo email ckruntz@libero.it.
Per essere sicuro che i messaggi di Avaaz raggiungano la tua casella di posta, ti preghiamo di aggiungere avaaz@avaaz.org alla tua lista di contatti. Per cambiare il tuo indirizzo e-mail, ricevere le e-mail in un'altra lingua o altre informazioni contattaci utilizzando questo modulo. Per non ricevere più le nostre e-mail, invia un'e-mail a unsubscribe@avaaz.org oppure clicca qui.

Per contattare Avaaz non rispondere a questa e-mail, ma scrivici utilizzando il nostro modulo www.avaaz.org/it/contact, oppure telefonaci al 1-888-922-8229 (USA).

Nessun commento:

Posta un commento