mercoledì 21 maggio 2014

Comiche europee

A chi ci decanta le virtù dell'Unione Europea non è richiesto sapere cosa fa l'UE; sarebbe però carino se almeno sapesse da quali Paesi è composta. 
Devo dire che a me, l'idea di Unione Europea è sempre piaciuta. Forse sarà stato perché, da bambino, in Italia ero tedesco e in Germania italiano. La cosa era talvolta un po' fastidiosa, ma sostanzialmente buffa. E mi sembrava che ci fossero tante persone che non avevano mica capito bene come stavano le cose.
Ma in questo periodo in cui siamo assordati da propagandisti della "bellezza dell'Europa", provo un po' di fastidio. Sarà perché sono troppi e stonati. 
Come fa a non piacere l'Europa del Erasmus, dell'incontro delle culture, della conoscenza reciproca. E non c'è mica solo questo. Hanno tolto anche i confini, o meglio hanno tolto le barriere doganali ... , ma i confini esistono, mica si possono abrogare per decreto. E poi, sono anche utili. L'importante è avere eliminato le frontiere.


Si stupiscono che l'Europa non piaccia e non capiscono perché. Magari ripensare ad una costituzione europea in cui la parola ripetuta più volte era banche, potrebbe aiutare a capire. O forse si potrebbe pensare a normative insostenibili per le piccole aziende, favorevoli ai grandi gruppi internazionali (normative sempre giustificate da nobili fini - sicurezza alimentare, sicurezza sul lavoro, ecc. - ma pensate in modo da conseguire ben altri risultati)
E invece, tutti giù per luoghi comuni.
Il guaio è che sovente i propagandisti dell'Europa hanno idee piuttosto vage e non conoscono bene il prodotto che devono vendere.
Ma restando al comico, LA STAMPA, si è data molto da fare. 10 giorni fa ha condito un articolo con una mappa dell'UE in cui mancava la Slovenia ed era aggiunta la Moldavia. (quali scherzi ci gioca l'inconscio.....)
Ieri un'altra cartina condiva un altro articolo pieno di luoghi comuni. Questa volta la Slovenia c'era, ma mancava l'Ungheria.
Carlo

Nessun commento:

Posta un commento