sabato 30 novembre 2013

L'Assessore Multerò

Una strada sicura
I nostri amministratori tengono molto alla sicurezza stradale. E così ci hanno spiegato che per rendere più sicuro
corso Allamano, installano due photored: uno all'incrocio con via Crea, l'altro all'incrocio con via Leonardo da Vinci. Anzi ci tengono così tanto, che hanno anche deciso di spostare gli di un centinaio di metri gli autovelox posti all'incrocio con via Rivalta.
Perché? Ce l'ha spiegato l'Assessore Multerò
"Se ci sono dei delinquenti, dei criminali, che passano con il rosso, o magari anche con l'arancione, e mettono a repentaglio la vita degli altri, beh, insomma, in coscienza è giusto reprimerli. E se poi questo, dovesse portare delle entrate nelle casse del Comune di Grugliasco, .... non so che farci. ben venga!"
Continua l'Assessore Multerò: "E poi all'incrocio di via Rivalta abbiamo visto

sabato 23 novembre 2013

Rifiuti; soluzioni grandi e grandi soluzioni; libertà e liberi interessi; Vienna; mucche; 5 euro x; AIUTOOOO !!!


E provare ad iniziare ad usare la testa?
Ieri sera c'è stata la proiezione di Trashed nella sala consiliare del Municipio di Grugliasco. Avevo già visto il documentario (un'ora e quaranta!) è mi è parso che la sala consiliare fosse il posto giusto per presentarlo a Grugliasco. Anche perché così aveva più senso l'invito a sindaco, assessori e consiglieri (di maggioranza, quelli di minoranza sono già ben edotti, salvo chi siede in opposizione a Grugliasco ed al governo, a Roma).

E' stata un bella serata, con un clima "bello teso". Indentiamoci, non una parola sopra le righe, ma un silenzio e un attenzione, come si vede di rado. 
Purtroppo, della maggioranza, non c'era nessuno (se qualcuno c'era, mi scusi, ma non l'ho visto. La sala era piena. ma veramente piena. Non come quando si è insediato il nuovo sindaco.
Abbiamo imparato qualcosa? Una mia "vecchia" amica ha detto "bello, siiii, ma insomma, sempre le solite cose che

venerdì 22 novembre 2013

Ho un ricordo vivissimo della sera del 22 novembre 1963. Avevo appena compiuto 7 anni. C'è il telegiornale (niente TG1, TG2, TG3. Il telegiornale delle otto!). Mi padre chiama tutti. 
Io non ho capito bene, ma capisco che è il caso di andare. Sono lì con i miei fratelli, grandi, e con mia mamma. "Hanno ammazzato Kennedy!". Mio padre è seduto su una poltrona, un po' alla sinistra, davanti alla porta. Io sono in piedi, davanti alla porta, con mia madre ed i miei fratelli. Uno di loro si sposta e si siede sul divano, alla destra della porta. Non ricordo che quella sera ci siano state immagini. A parte il "lettore del telegiornale". Le immagini sono arrivate dopo e le abbiamo viste tante volte.

mercoledì 6 novembre 2013

Cancellieri, un'amica fa la differenza!

"Della mia vicenda racconterò tutto martedì alle Camere, ma vi dico solo che voglio vivere in un paese libero, voglio vivere in un paese che sia libero, dove l'onesta personale sia un patrimonio condiviso. Il ministro della Giustizia deve essere responsabile e ha il dovere di rispettare le leggi, ma deve anche avere il diritto di essere un essere umano.

 Ho la coscienza a posto, non darò le dimissioni: si dimette chi ha cose di cui pentirsi. Negli ultimi tre mesi ho fatto più di cento interventi per persone che ho incontrato nel corso delle mie visite in carcere o i cui i familiari si sono rivolti a me anche solo tramite una e-mail. Ho fatto il mio dovere. Abbiamo il dovere di dare risposte, avendo 75mila detenuti. Voglio che questo sia il Paese di Beccaria". 
Con queste parole il ministro della Giustizia Cancellieri ha motivato il suo intervento a favore di Giulia Ligresti.
La cosa che più mi colpisce è che nessuno si sia alzato ed abbia detto: 
"Signora Ministro, ma non capisce proprio la differenza? Ciò che Lei ha fatto per i detenuti è encomiabile!. Ma Giulia Ligresti è una sua amica di famiglia. E per un amica, Signora Ministro, non lo si può  fare!" "Per gli estranei, sì! Ma per un'amica non si può fare!"
Non riusciamo a capire questo semplice concetto e ci stupiamo che in Europa ci guardino con diffidenza.
Carlo

martedì 5 novembre 2013

Piano! Regolatore!

I principi a cui si ispira la proposta di revisione del piano regolatore sono così belli, che mi viene la pelle d'oca!
Oggi è cominciata l'avventura di un nuovo piano regolatore a Grugliasco.Pardon, si tratterà di una "variante tecnica" al vecchio piano regolatore.
L'amministrazione comunale è "molto preoccupata" per la riduzione della popolazione avvenuta dal 1991 al 2006. Se si riduce la popolazione i servizi sono sproporzionati e si riducono le entrate del Comune. Per cui bisogna fare di tutto per fare aumentare la popolazione. 

sabato 2 novembre 2013

Ecce Minzo

Non sono mai riuscito a capire se i film di Nanni Moretti mi piacciano oppure no.
Forse perché quando con i miei amici ho visto  per la prima volta Ecce Bombo uscendo eravamo tutti concordi: "Moretti ha raccontato quattro banalità. Avesse passato un giorno con noi, allora sì che avrebbe avuto cose da mettere nel film". E non stavamo scherzando.
Quindi, le discussioni sui messaggi di Moretti mi hanno sempre lasciato un po' perplesso.
Devo però ammettere che almeno su una cosa Nanni Moretti ha visto lungo. Veramente lungo. 
In Ecce bombo, non poteva esserci scelta migliore di Augusto Minzolini, per la scena dell'organizzazione dell'occupazione della scuola "piantala"(Augusto).