mercoledì 29 maggio 2013

Lo studio di sorveglianza sanitaria delle ASL e dell'ARPA non sarà in grado di dimostrare aumenti di diossine e PCB inferiori al 20%

Saranno spesi 2.200.00 di euro  a carico dei cittadini per permettere alla politica di dire "Non è dimostrato alcuna aumento di PCB e diossine nel sangue!" 
Il Comitato Locale di Controllo di oggi 29 maggio 2013 si è trascinato stancamente per un'ora e mezza. Erano presenti ASL e ARPA, ma il tempo è trascorso per illustrare lo studio dell'ISDE ("i medici per l'ambiente") volto a misurare i livelli di metalli pesanti nelle unghie di bambini, oggi e dopo l'accensione dell'inceneritore, con l'obiettivo di verificare le variazioni di accumulo e assorbimento nell'organismo.
Nei prossimi giorni dovremo sicuramente dedicare un po' di attenzione allo studio ed a come "la politica" ha affrontato questa iniziativa. Nulla di sostanzialmente nuovo rispetto a quanto vi ho raccontato con l'inarrestabile discesa delle PM10
Ma questa sera non intendo perdere tempo perché finalmente c'è una notizia!

lunedì 27 maggio 2013

Il complesso di Edipo

3 anni di Consiglio comunale a Grugliasco sono una lezione di vita.
Si scopre un pezzo di mondo che le persone normali non immaginano neppure che esista. O meglio, alcuni fantasticano ed imprecano contro la politica degenerata. Ma in realtà le cose sono molto diverse. In primo luogo non tutto è uguale. Ci sono molte sfaccettature. E nelle pieghe della realtà, si scoprono molte cose impreviste.
Ci sono cose belle, persone di svariato colore che si dedicano con passione a cause magari molto lontane dai nostri interessi. Ma si vede che lo fanno con passione e che ci credono.
Naturalmente ci sono cose meno belle, imbarazzanti, piccinerie che esistono anche nel mondo reale, ma che sono inusualmente concentrate in consiglio comunale.

domenica 26 maggio 2013

Il diritto di tutti di fare politica. 2.0

C'è chi i diritti se li conquista sul campo  e chi li considera una propria prerogativa
Forse non tutti sanno che oggi si possono detrarre dai redditi le "erogazioni liberali possono essere detratte solo se i loro beneficiari sono partiti o movimenti politici che abbiano o abbiano avuto almeno un parlamentare eletto alla Camera dei Deputati o al Senato della Repubblica".
Quando abbiamo deciso di presentare la lista civica "Grugliasco Democratica" con un  po' di fatica, tanto entusiasmo ed u n pizzico di incoscienza ci siamo messi a raccogliere i soldi per la campagna elettorale. A nessuno passava per la testa l'idea che questi soldi potessero essere detratti dalle tasse. Abbiamo deciso di prendere un'iniziativa e ce la siamo pagata. Giusto così. 
Mi sembrerebbe  bello (non "giusto", solo "bello", ...) che fosse così per tutti. Ma non è così.
Ed è questo il primo motivo per cui esistono Grugliasco Democratica e tante altre liste civiche

Più che uno "STOP" al finanziamento pubblico ai partiti, si annuncia una semplice "PRECEDENZA"

Ovvero come invocando  "il diritto di tutti di fare politica" i soliti noti provano di nuovo a  finanziare solo sé stessi  
Il finanziamento pubblico ai partiti fu introdotto nel 1974 a seguito di "scandali" che avevano coinvolto i partiti di governo. La logica dichiarata era che i partiti per fare politica avevano bisogno di soldi ed era necessario garantire un finanziamento per evitare che i partiti cercassero vie  poco pulite o sporche per garantirsi la possibilità di fare politica.
Oggi possiamo constatare che già 40 anni fa i partiti non pretendevano di avere una buona immagine. Riuscivano a dire: "Cittadini ci prendiamo una parte dei vostri soldi, altrimenti succede che li rubiamo!" Tutto ovviamente per garantire la democrazia e la libertà dei cittadini. 
In un primo referendum abrogativo del 1978 il 97% dei votanti votò "SI", contro il finanziamento pubblico, ma non fu raggiunto il quorum del 50%.  Io ho votato "SI" e non ho vinto.

mercoledì 22 maggio 2013

I rifiuti all'inceneritore? Ci costano l' "IREN" di Dio!

E alla fine l'inceneritore l'hanno acceso. Veramente si è spento subito per colpa della pioggia! e adesso temporeggiano. Le  studiano tutte per conquistare al fiducia dei cittadini. Ma tra un po', lo accenderanno. 
E noi cosa facciamo. 
Al di là di dire che opporsi ad opere demenziali è necessario, per fare passare la voglia di continuare su questa strada, si può pensare a cosa fare a Torino e dintorni.
Come al solito invece che scervellarci, è meglio provare a copiare. e per farlo, la cosa migliore è guardare cosa succede da altre parti. A  Parma per esempio si pensa di non pagare  le bollette. E non solo.
In pratica autoridursi quella parte di bolletta che va all'incenerimento: un 15-20 %. 
E poi esigere dalla multiutility il controllo in continuo della diossina sulle due linee dell'impianto.
Ma credetemi, prenderli (e tenerli) per il portafoglio è la cosa più efficace.

martedì 21 maggio 2013

Il vizietto

Il 15 maggio  con "L'inarrestabile discesa delle PM 10 torinesi"  ho   provato a spiegare come molta politica ami farsi bella rivolgendosi alla Scienza ed  alla Tecnica per sostenere le  proprie scelte,  salvo  ribellarsi  violentemente quanto  Scienza e Tecnica  fanno balenare l'ipotesi  che tali scelte siano gravemente sbagliate.
In realtà il problema è trasversale e si manifesta in tanti ambiti. Oggi un'autorevole - in quanto donna - candidata alla Presidenza della Repubblica, ci ha chiarito su come vorrebbe che fossero le prossime elezioni democratiche. Probabilmente ha visto la pubblicità "Ti piace vincere facile?" e ci ha creduto.... Penso che sia difficile spiegarle che, così, si può solamente perdere.

lunedì 20 maggio 2013

La CO2 supera le 400 parti per milione in atmosfera!


 Non succedeva da almeno 3 milioni di anni
10 maggio, 2013 - La concentrazione dell’anidride carbonica in atmosfera ha superato oggi le 400 parti per milione (ppm), un livello altissimo che rappresenta l’ennesimo campanello d’allarme rispetto ai cambiamenti climatici in corso nel Pianeta.

Un profondo cambiamento nelle modalità di produzione e consumo dell’energia consentirebbe la creazione – nei soli comparti del riscaldamento e dell’elettricità – di sei milioni di posti di lavoro. Ma da noi il governo pensa allo "sviluppo". Per saperne di più si può leggere il  Rapporto di Greenpeace.
Sono veramente stufo di sentirmi spiegare che l'unica alternativa ( ...., ma se è "unica", non è un'alternativa! O no?) è lo sviluppo.

giovedì 16 maggio 2013

Continua il gioco del domino dell'ILVA

Oggi La Stampa, sotto il titolo "Ciclone ILVA, finisce in carcere anche il presidente della Provincia"  ci racconta un'altra storia ordinaria di tutela ambientale. 
Carcere per il presidente della provincia e per l'(ex) assessore all'ambiente, perché per favorire la grande acciaieria, hanno minacciato due dirigenti della provincia, perché firmassero delle autorizzazioni. E anche carcere e poi arresti per l'ex direttore generale della Provincia  e per l'ex responsabile relazioni esterne dell'ILVA.
Al centro dell'inchiesta vi è una autorizzazione da rinnovare per la discarica «Cava Mater Gratiae» di rifiuti pericolosi. Dovevano firmare «permessi pur in mancanza delle condizioni di legge». Per il GIP l'uomo dell' ILVA, entrava negli uffici della Provincia come se fosse il padrone.

mercoledì 15 maggio 2013

Sul sito della Società nazionale Operatori della Prevenzione potete trovare il rapporto "Un viaggio "dentro" l'automobile. Ergonomia e organizzazione del lavoro nel settore automotive in Europa”, sintesi della ricerca di Francesco Tuccino, frutto di osservazioni diretta delle condizioni di lavoro nelle linee di produzione di automobili, di interviste e focus group con tecnici, lavoratori e delegati sindacali (120 ore di registrazioni) in 10 fabbriche d'auto in Spagna, Francia, Germania, Italia, Romania, Polonia e Slovacchia, promossa dalla FEM (Federazione europea dei metalmeccanici), su fondi della Comunità Europea.
Per cultori della materia, ma non solo. Si può leggere per vedere un mondo sconosciuto ai più. 

Anche la sospensione del IMU per i capannoni è un insulto per l'amministrazione Montà?

Il mondo alla rovescia. Quando i Ministri guardano ai problemi dallo stesso punto di vista di Grugliasco Democratica.
Grugliasco Democratica ed Ecologisti e Reti Civiche hanno prima chiesto chiarimenti, e poi stigmatizzato -in Commissione e nel Consiglio comunale del  8 maggio 2013 - la scelta dell'amministrazione Montà di ridurre l'aliquota IMU per gli appartamenti invenduti delle imprese costruttrici al 4,5 per mille, mentre per i capannoni (ed i luoghi di lavoro in genere) si manteneva l'aliquota del 10 per mille.
Perché? Perché crediamo che quello che succede in giro dipenda "un pochino" anche dalle scelte della politica. 

L'inarrestabile discesa delle PM 10 torinesi

Un aneddoto su come la politica cerca di usare i dati su ambiente e salute  
I titoli de La Stampa del 3 maggio 2013 possono aiutarci a comprendere alcuni problemi che abbiamo in Italia quando si parla di inquinamento ambientale.
"Ora l'aria è più pulita. Polveri sottili diminuite del 30%", "L'ARPA: quest' inverno meno sforamenti dei PM10"  è lo squillante titolo a pagina 46. E sotto una fotografia, ripresa dalla collina, con la Mole  immersa in una foschia grigia ed un camino che fuma, troviamo scritto "Miglioramento costante".

martedì 14 maggio 2013

Manifestazione contro l'inceneritore di sabato 11 maggio 2013

Per chi non c'era, ... un po' di interviste sulla manifestazione di sabato 11 maggio 2013 contro l'inceneritore del Gerbido.

Per la raccolta differenziata "tirano" solo le sciocchezze .

A GRUGLIASCO L'UNICO MODO PER RAGGIUNGERE GLI OBIETTIVI NAZIONALI DI RACCOLTA DIFFERENZIATA E' METTERE IN ATTO LA RACCOLTA DIFFERENZIATA DELLE SCIOCCHEZZE DETTE DALLA MAGGIORANZA
Una delle cose che risulta incomprensibile per chi assiste ai consigli comunali grugliaschesi (e per chi ne sente i resoconti) è l'irresistibile spinta dei consiglieri del pidì a tentare di offendere Tu-sai-chi. E' un istinto irrefrenabile, che non riescono a dominare. Partono lancia in resta, e si vanno a schiantare contro il muro. Regolarmente. Tra di loro alcuni sghignazzano, altri guardano in giro imbarazzati. Poi anche i primi si guardano in giro e si chiedono come mai gli altri non ridono e solo loro sghignazzano.
Intendiamoci, nel confronto politico sembra che ci stia l'attacco all'avversario. ma di solito chi attacca ha degli argomenti e lavora per prepararsi, per produrre un ragionamento. Così facendo, molte volte si scopre di avere preso un abbaglio, e si lascia perdere.
Ma quando si è pigri e non si ha voglia di faticare si dice qualcosa che sembra interessante, senza approfondire, e  così, dire stupidaggini, non resta un rischio, ma diventa una probabilità.

lunedì 13 maggio 2013

30 all'ora sul "contro" Viale


La Stampa del 3 maggio 2013 a pagina 46 ci voluto stupire con titoli trionfalistici: "Ora l'aria è più pulita. Polveri sottili diminuite del 30%", "L'ARPA: quest' inverno meno sforamenti dei PM10".  E sotto una  fotografia  che proprio non ci faceva immaginare l'aria pulita "Miglioramento costante".
Si tratta in realtà di un articolo a sostegno della politica delle pedonalizzazioni e della realizzazione di nuove zone dei 30 chilometri all'ora. E' noto che siano cose belle ed importanti, direi di "documentata efficacia", ma non è documentato che la piccola esperienza torinese abbia prodotto effetti apprezzabili. L'articolo ci diceva cose molto diverse dai titoli. Ho la brutta sensazione che i titoli avessero (anche) un altro fine....

giovedì 9 maggio 2013

"La Torre" "di Pisa" ovvero come non rilocalizzare la Servizi Industriali

Può capitare di presentare una mozione sul  "Mancato rispetto degli impegni relativi alla rilocalizzazione della Servizi Industriali" e vedersi formulare un parere tecnico negativo.
La cosa stupisce un po', ma la cosa più semplice è approfittare della conferenza capigruppo per chiedere chiarimenti.
R: "Eh, è stato dato parere negativo!"
D:" Si, ma perché?"

martedì 7 maggio 2013

Legge rifiuti zero

Le leggi di iniziativa popolare nazionale per una corretta gestione dei rifiuti sono una bella iniziativa che potrà dare grandi benefici a tutti noi. Per saperne di più potete trovare una breve descrizione delle finalità e tanta documentazione utile.
Un'altra piccola dimostrazione che il movimento contro gli inceneritori è più un movimento di proposta che di protesta.
Firmate, firmate, firmate e fate firmare amici e conoscenti

Esattore ai tributi

"Ma cos'è la TARES?"
"Semplice ora invece che la TARSU o TIA si paga la TARES, che prevede anche una maggiorazione di 30 centesimi/mq! per i servizi indivisibili"
"Ah, ... e io che ero già preoccupato!" "Ma non è che i servizi prima li pagavamo già con le nostre tasse? Mah..."
"Vabbé, c'è anche un piccolo adeguamento all'inflazione, ma è poca roba!"
"E a Grugliasco siamo fortunati. Dato che si pagava la TIA, che era più alta della TARSU, l'aumento è minimo. Praticamente solo un po' di adeguamento all'inflazione!" "Parola di Esattore, scusate Assessore, ai Tributi".
Mica è come negli altri Comuni dove pagavano di meno, pagavano la TARSU, ed ora hanno un forte aumento!"
"Che culo"

domenica 5 maggio 2013

8 maggio: Comitato Locale di Controllo. Progetti di distrazione di massa


La prossima riunione del Comitato locale di Controllo è convocata per giovedì 8 maggio alle 17.00 presso il Municipio di Grugliasco.
L'ordine del giorno prevede: Approfondimenti sul “Piano di Sorveglianza Sanitaria e di conoscenza della variazione dello stato di salute della popolazione residente relativo al impianto di termovalorizzazione dei rifiuti della Provincia di Torino”.
Come probabilmente è noto a tutti, il piano di sorveglianza sanitaria della popolazione non è cominciato prima dell'avvio dell'inceneritore. Come per la riduzione del monitoraggio ambientale pre-avvio (passato da un anno a 6 mesi), ci sarà spiegato che la variazione è irrilevante.

mercoledì 1 maggio 2013

Comitato Locale di Controllo

In occasione del Consiglio comunale di Grugliasco del prossimo 8 maggio andranno in discussione 4 mozioni presentate da Grugliasco Democratica e dagli Ecologisti e Reti Civiche. Tre di queste mozioni erano già all'ordine del consiglio del 4 marzo 2013, ma la mAGGIORANZA, coadiuvata dalla presidente del consiglio comunale, con un'arguta condotta è riuscita a non discutere le mozioni. Così ci troviamo oggi con questo ordine del giorno:   
  • Mozione "Pubblicizzazione degli incontri  del Comitato Locale di Controllo" (del 6 febbraio 2013 - Prot. 3995)
  • Mozione "Composizione del Comitato Locale di Controllo" (del 19 febbraio 2013 - Prot. 5431)
  • Mozione "Comitato Locale di Controllo – apertura delle sedute al pubblico" (del 22 febbraio 2013 - Prot. 6088):
  • Mozione "Mancato rispetto degli impegni relativi alla rilocalizzazione della Servizi Induistriali" (del 25 febbraio 2013 - Prot 6237)
La mAGGIORANZA a Grugliasco negli ultimi anni ha continuato a fare la politica dello struzzo.

Sabato 11 maggio 2013 ore 14.30 manifestazione contro l'inceneritore

Per ogni dettaglio relativo alla manifestazione rimando al volantino. Intanto Grugliasco Democratica ed Ecologisti - Reti Civiche continuano l'attività con le mozioni (e le interrogazioni) che il Consiglio comunale è riuscito a non discutere il 4 marzo 2013 e che dovrebbero essere discusse  in occasione della seduta del Consiglio comunale di Grugliasco del 8 maggio 2013.